Metonimia

April 10, 2015 § Leave a comment

METONIMIA – Evocare un’idea citando al suo posto un concetto a essa relativo; se si tratta di paragoni quantificativi la metonimia prende il nome di sineddoche; può avvenire nei seguenti casi:

  • il contenente per il contenuto (bottiglia per vino; bere un bicchiere d’acqua, cioè bere (un bicchiere ripieno d’acqua));
  • l’astratto per il concreto o viceversa (il prezzo della fama, avere orecchio);
  • la causa per l’effetto o viceversa (guarire da una caduta, bagnare il letto);
  • la materia per l’oggetto (legno per croce, bronzo per statua);
  • l’autore per l’opera (leggere Omero al posto di leggere l’Iliade; possedere un Picasso al posto di possedere un quadro di Picasso);
  • il luogo per l’oggetto o istituzione (Via XX Settembre per indicare il Ministero dell’Economia);
  • la parte del corpo per la persona (Lingua mortal non dice / quel ch’io sentiva in seno (Leopardi, A Silvia, 26-27)).

(Wikipedia)

Elizabeth

kertesz-161

Mi è passata sotto gli occhi qualche giorno fa una sineddoche fotografica molto famosa dovuta ad André Kertesz. Dell’autoscatto Elizabeth and I esistono varie versioni, ma nell’ultima e più famosa la presenza di André è evocata dalla sola mano, che stringe teneramente la spalla di Elizabeth. Si, perché Kertesz e la moglie passarono tutta la vita insieme. Roba d’altri tempi: correva l’anno 1931.

(e voglio vedere chi ha il coraggio di chiamarlo “un selfie”)

Tagged: , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

What’s this?

You are currently reading Metonimia at Laboratorio Fotografico Affabulazione.

meta

%d bloggers like this: