Mappe

June 9, 2011 § 2 Comments

Nella Roma antica la mappa era un panno di lino usato come tovagliolo sulle tavole patrizie. Gli antichi agronomi chiamarono mappe (perché eseguite spesso su tela) ogni rappresentazione grafica di una zona di terreno riprodotta in scala: di qui l’uso moderno della parola. Per un luogo, complici i topografi, è possibile tracciare una mappa che ci possa aiutare nel caso ci perdessimo.

Ma per un amore?

Può esistere una mappa per gli amanti che si perdono o che si sono persi? e chi sarebbe in grado di tracciarla?

Ognuno di noi ha (da qualche parte, ma non chiedetemi dove) una propria mappa che all’occorrenza utilizza. Per alcuni è la rete di amicizie, per altri le canzoni, altri ancora serbano poesie come mappe per ritrovare, anche se non l’amato bene, almeno se stessi. Ci vorrebbe un catalogo di tutte le mappe per trovare all’occorrenza quella che ci serve. Ci vorrebbe un amico diceva quello.

Ci vorrebbe, io aggiungerei, un castello da espugnare, un drago da vincere che però non sia dentro di noi.

§ 2 Responses to Mappe

  • Roberto says:

    La mappa che si sfodera in questi casi mi sembra assomigli più ad un percorso del possibile, del desiderio, dell’evocazione.
    Guai a confonderla troppo con un percorso reale. Si rischierebbe di andare a cercare il drago nel posto sbagliato.

  • arya says:

    …niente da aggiungere.
    tutto vero…specialmente le due frasi ultime, del post e del commento.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

What’s this?

You are currently reading Mappe at Laboratorio Fotografico Affabulazione.

meta

%d bloggers like this: